Consigli di coltivazione

CONSIGLI DI COLTIVAZIONE

Piante in vaso, fiori e piante da orto. Piccoli accorgimenti per grandi risultati!!!

 

PIANTE GRASSE…le facili.

Queste piante da interno cercano luce, caldo e umidità ed il calore delle nostre case è sufficiente perchè svolgano tranquillamente le loro normali funzioni vitali. Spruzzatele con un po’ acqua ogni 3/4 giorni e bagnate leggermente il terreno ogni tanto…avrete piante sane e carnose.

 

PIANTE STAGIONALI…acqua, acqua, acqua

Gerani, surfinie, potunie…sono tante le piante che rallegrano i nostri balconi con colori e meravigliose cascate di fiori durante la primavera e l’estate. Amano il sole e quindi hanno bisogno di tanta acqua, ma ci sono delle regole da rispettare. I vasi sui davanzali, nelle ore calde, sono davvero bollenti e le radici soffrono. Per questo motivo NON date da bere al MATTINO, anzi, date da bere la sera, quando il sole è tramontato ed il terreno si raffredda. Le piante avranno, così, tutta la notte per poter bere tranquillamente. Siate generosi d’acqua, se potete togliete la vaschetta sotto il vaso, eviterete che l’acqua ristagni e che le radici si lessino! NON concimate MAI una pianta che ha sete!!! È come buttare sale su una ferita. Siate costanti e avrete piante da invidia!!!

 

FIORI IN VASO…il bouquet ti si affloscia?

E’ molto bello ricevere un mazzo di fiori oppure raccoglierli dal proprio giardino per metterli in casa in un vaso. Purtroppo questi fiori non possono durare molto, perchè hanno perso le loro radici, ma possiamo fare in modo che resistano un pò più a lungo. Cambiate l’acqua una volta al giorno e, ogni 3 giorni, rinnovate il taglio dei gambi; se sono rose, usate un coltellino così i vasi dello stelo rimarranno aperti e non si schiacceranno al taglio delle forbici. Potete aggiungere qualche goccia di limone nell’acqua, eviterà l’ossidazione e i vostri fiori vi ringranzieranno.

 

PIANTE DA ORTO…sano, genuino e biologico.

Le piantine da orto che acquistate nel nostro punto vendita sono ibridi, resistenti a diverse avversità e con un apparato radicale ben sviluppato. Questo permette di superare agevolmente lo stress da trapianto. Tutte le varietà vengono prima testate da noi nel nostro orto, per poi essere messe in commercio.

Nella sezione piante da ortodel nostro sito, troverete già alcuni consigli come l’epoca di trapianto, le distanze da rispettare, i giorni di maturazione ecc. in questa pagina, invece, vogliamo ricordarvi di:

  • preparare terreno morbido e ben lavorato; le radici sono piccole e vogliono acqua, ma anche aria non dimenticatelo!
  • annaffiare l’orto nelle prime ore del mattino o in tarda serata; come ben sapete, bisogna evitare le ore calde.
  • irrigare con manichetta, se potete; costa poco, si risparmia acqua e fatto l’impianto il primo anno poi dura un’eternità, riducendo tempo e fatica. In questo modo, non si bagnerà la vegetazione fogliare, ma solo l’apparato radicale, evitando il mal bianco e altre muffe che attaccano la pianta e i frutti. Così, inoltre, non disturberemo gli insetti impollinatori.
  • usare, ove possibile, teli per la pacciamatura; zappare è faticoso, il film plastico nero evita la germinazione di erbacce, riscalda il terreno e le radici. Esistono in commercio anche quelli biodegradabili che, una volta finito l’utilizzo, si fresano nel terreno e non hanno bisogno di essere smaltiti.
  • evitare i concimi chimici, mettere piuttosto sostanza organica di buona qualità, che migliora la composizione de terreno, nutre con l’azoto e favorisce l’assunzione delle altre sostanze nutritive. I compost vegetali, danno fosforo e potassio, se avete la possibilità di accumulare i rimasugli vegetali dei precedenti impianti, fatelo e lasciateli riposare per 24/36 mesi, una volta sparsi nel terreno avrete risultati super!!!
  • non anticipare troppo i trapianti; gli zucchini per primi, dato che resistono a ritorni di freddo, poi i pomodori e i meloni quando la stagione è buona. Quando le minime non scendono più sotto gli 8/10 gradi è la volta di cetrioli, peperoni, melanzane e zucche ed infine le angurie a maggio. Non abbiate paura di ritardare i trapianti di qualche giorno, quando la stagione è più calda le piante recuperano, ma se fate l’errore di piantarle troppo presto, con un ritorno di freddo, avrete piante sempre sofferenti.
  • utilizzare questi pochi suggerimenti per capire di cosa hanno bisogno le piante: l’azoto favorisce la vegetazione verde e aumenta il volume della pianta, il calcio migliora l’elasticità dei tessuti evitando rotture da dove poi potrebbero entrare batteri, il fosforo favorisce le radici ed il potassio dà sapore e dolcezza ai frutti.
  • diminuire le annaffiature del pomodoro, quando comincia a colorare; eviterete così la spaccature dei frutti e concentrerete la parte zuccherina. Vale anche per il melone.
  • annaffiare con costanza il peperone, poco e frequentemente. Eseguite la potatura del ramo centrale se volete contenere la pianta e far sviluppare i rami sottostanti.
  • controllare la presenza di lombrichi, che sono ottimi indicatori di un terreno lavorato e coltivato bene.
  • cambiare posizione agli ortaggi ogni anno, o al massimo ogni due. Eviterete tanti, tanti, tanti problemi legati all’apparato radicale, ad un cattivo svilippo delle piante stesse e alla creazione di ceppi resistenti di parassiti.

Immaginate l’orto diviso in quattro parti, questa è la formula che noi utlizziamo:

ortaggi da frutto: angurie, cetrioli, fagioli, fagiolini, melanzane, meloni, peperoni, pomodori, zucche e zucchini.

IIª ortaggi da foglia: cavoli, cicorie, finocchi, insalate, radicchi, rucola, sedano e spinaci.

IIIª ortaggi da radice: aglio, carote, cipolle, patate, porri, ravanelli, rape.

IVª ortaggi da fiori: cavolfiori e le piante aromatiche.

Ogni anno avverrà la rotazione quindi: il primo gruppo passa nel posto del secondo gruppo, il secondo nel terzo, il terzo nel quarto ed in fine il quarto al posto del primo e via via così.

 

Continueremo a tenere aggiornata questa pagina, ma per qualsiasi dubbio o chiarimento, non esistate a contattarci, saremo ben disponibili per darvi nuovi suggerimenti.